accessibile
Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti. Maggiori informazioni sui cookies.

Chiudi
IN PRIMO PIANO

Domenica, musica folk, danze moderne e folk e lanterne volanti
MERCATINO E FESTA DEL GEMELLAGGIO

Grande attesa in paese per la festa del gemellaggio prevista per domenica 11 dicembre; un appuntamento che si rinnova di anno in anno, con tante novità e la conferma che il legame con il Comune di Agerola si consolida sempre più. Sono ormai cinque anni che i due comuni hanno suggellato questa amicizia e a dicembre, nei giorni della firma del trattato, Luca Mascolo, primo cittadino di Agerola accompagnato da una delegazione fa visita ai sansalvatoresi e quanti fra loro sono originari del paese dell’alta costiera amalfitana.

Fin dal mattino, in piazza Carmagnola e nella vicina piazza dei Caduti ci sarà festa e divertimento con le bancarelle del mercatino natalizio, nella mattinata è prevista la partecipazione del gruppo Baraonda Meridionale, balli in piazza folkloristici, assaggi e degustazioni, brindisi con i sindaci e distribuzione di fette di panettone. Sempre nella mattinata l’associazione Ginnastica Valentia organizza uno spettacolare flash mob “Dansyng Christmas” con cinquanta figuranti vestiti da babbo Natale e nel pomeriggio i bambini potranno cucinare nel laboratorio allestito nello stand della Pro loco Vivacittà, dove si potranno gustare dolci natalizi campani e piemontesi. Alle 15 ci sarà un “vero” babbo Natale che distribuirà i doni ai bambini e alle 18, dopo il lungo pomeriggio di intrattenimento,  presso il Belvedere è previsto il lancio delle oltre duecento lanterne volanti che quest’anno sono nuove e riportano sui lati la faccia di un pacioso babbo Natale. La festa, che negli anni si è consolidata fino a diventare un appuntamento di grande richiamo, con migliaia di visitatori, anche quest’anno è stata inserita nel programma “Nadàl an Munfrà” organizzato dal consorzio turistico Mondo. 6-12-2016




Entra nel vivo il calendario - eventi QuanteFeste
L’ALBERO DELLA SOLIDARIETA’

Con l’accensione dell’albero di Natale in piazza Carmagnola l’8 dicembre, entra nel vivo il programma di “QuanteFeste”, la kermesse che raccoglie gli appuntamenti che il Comune di San Salvatore Monferrato organizza con le associazioni del territorio. Quest’anno l’albero di Natale è addobbato con le palline trasparenti che ognuno può acquistare per destinare l’intera somma al Comune terremotato di Preci, in provincia di Perugia, recentemente colpito dal sisma del 26 ottobre scorso. Le palline si possono aprire e personalizzare con disegni, foto o pensieri da dedicare a chi il Natale non potrà trascorrerlo al caldo della propria casa perché distrutta o inagibile. Il sindaco Enrico Beccaria ha scritto al collega di Preci che ha risposto telefonicamente e ha ringraziato per aver deciso di aiutare il suo comune (752 abitanti) e per la generosità dei sansalvatoresi.

 

L'albero di piazza Carmagnola è in realtà una piramide di abeti di piccole dimensioni che verranno in seguito piantumati nelle aree verdi comunali che oggi sono sguarnite (ad es. il piazzale del cimitero); la scelta di evitare l'utilizzo di un albero tagliato e, invece, di puntare sul rinverdimento del territorio, è degli amministratori comunali che in sintonia con la Pro loco hanno organizzato per gioved' 8 dicembre la festa dell'addobbo, con intrattenimento, musiche natalizie e distribuzione di dolci e cioccolata calda.

Le palline della solidarietà sono in vendita nei banchetti allestiti in piazza in questi giorni, presso la segreteria del Comune e la mattina dell'8 dicembre. Al termine dell'operazione di raccolta fondi (chi vuole può anche versare un'offerta), l'Amministrazione Comunale comunicherà la cifra raccolta affinché sia destinata, come richiesto dal sindaco di Preci per le aree di protezione civile e per sostenere le aziende locali in difficoltà. 6-12-2016

Scarica il programma di Quante Feste

 




Un progetto per legare i due comuni nel tempo e nelle ore
LA MERIDIANA DEL GEMELLAGGIO

“Per gli amici è sempre l’ora”. E’ questa la frase che campeggia nella meridiana che verrà inaugurata sabato 10 dicembre e che sarà posizionata a San Salvatore Monferrato, sul muro di piazzetta Agerola,  luogo che ricorda gli amici del Comune gemellato dal 2011. Il progetto della meridiana è un’idea che vuole legare ancora di più le due comunità, dal momento che anche ad Agerola verrà realizzata allo stesso modo una meridiana per segnare il tempo comune che scorre nei due luoghi, lontani geograficamente, ma vicini nell’amicizia. Il realizzatore della meridiana, Nico Palagano, presenterà il progetto presso la sala incontri di Palazzo Carmagnola, sabato alle 17,30 e racconterà i segreti che rendono misteriose ed affascinanti questi orologi murali millenari. Dopo l’incontro è previsto un aperitivo sotto gli archi del cortile del Palazzo.
6-12-2016




Markus Pagliero è il nuovo medico di famiglia
ARRIVA IL QUARTO MEDICO

Il suo nome è Markus Pagliero ed è l'atteso quarto medico di medicina generale del distretto di Valenza che da lunedì opera a San Salvatore Monferrato presso la "Casa della Salute - ASL" di via Tarchetti. Purtroppo però il dottor Alessandro Tatulli, nel giorno del suo arrivo, ha lasciato l'incarico e in paese sono tornati ad essere tre i medici di famiglia e l'ASL ha già pubblicato un nuovo bando per individuare il medico che prenderà il quarto posto che si è appena liberato. Nel frattempo i pazienti del dottor Tatulli, senza dover presentare alcun documento, sono passati al dr. Pagliero che ha promesso di garantire continuità nell'assistenza a ai numerosi pazienti del suo predecessore. Dall'ASL fanno sapere che chi vorrà, potrà comunque scegliere un altro medico di medicina generale. Il dottor Pagliero ha scelto di confermare gli stessi orari di ricevimento del dottor Tatulli: lunedì dalle ore 16,00 alle ore 19,00; martedì dalle ore 9,00 alle ore 12,00;mercoledì dalle ore 16,00 alle ore 19,00;giovedì dalle ore 9,00 alle ore 12,00;venerdì dalle ore 9,00 alle ore 12,00.
 




Il campione su due ruote a San Salvatore Monferrato
LA VISITA DI FRANCESCO MOSER

Francesco Moser, il ciclista italiano con il maggior numero di successi all'attivo, terzo assoluto a livello mondiale, mercoledì pomeriggio ha fatto visita al Comune di San Salvatore Monferrato, grazie all’interessamento del sansalvatorese Andrea Bettonte che, grazie ad un comune amico, ha permesso l’organizzazione dell’incontro. La voce si era sparsa già a metà pomeriggio in uno dei bar della piazza e all’arrivo di Moser erano molti cittadini lo stavano attendendo il grande campione. Dopo i convenevoli, il sindaco Enrico Beccaria e il vicesindaco Corrado Tagliabue hanno accompagnato Moser presso la sala consigliare dove lo attendevano alcuni consiglieri comunali, l’assessore al turismo Laura Merlo e la sportiva, nonché assessore allo sport Carmen Acunto, atleta paralimpica, da sempre organizzatrice della manifestazione “Sport in Piazza”. La Acunto si è intrattenuta con il campione del mondo relativamente ad una sua prossima partecipazione in qualità di ospite, il prossimo settembre. Per il 2017 l’assessorato allo sport e al turismo di San Salvatore Monferrato, hanno in serbo un interessante progetto dedicato alle due ruote e la visita lampo di Francesco Moser è stata vista di buon auspicio per le iniziative in programmazione, quando verranno resi noti i particolari del disegno volto a valorizzare lo sport in bicicletta. Nella foto, il sindaco e gli amministratori comunali con alcuni sansalvatoresi con il campione del ciclismo Francesco Moser, nella sala consigliare del Municipio.
 




San Salvatore e i comuni del valenzano per la bonifica
AMIANTO: NUOVI INCENTIVI

La Regione Piemonte ha assegnato un contributo a fondo perduto a San Salvatore Monferrato e a tutti i Comuni della Sub Area Valenzana Amianto coordinati da Valenza per la raccolta, il trasporto e lo smaltimento di piccoli quantitativi di manufatti in amianto provenienti da proprietà private. Gli incentivi sono volti a sensibilizzare i cittadini a bonificare lastre piane o ondulate di copertura, canne fumarie e tubazioni, cisterne, vasche, vasi ed altri manufatti in amianto.
Il contributo viene erogato per tutti i manufatti in amianto di immobili in possesso dei requisiti di regolarità edilizia e viene concesso in due modi: per piccoli quantitativi (fino a 40 mq. o 450 Kg.), le operazioni relative alla raccolta, trasporto e smaltimento dei manufatti contenenti amianto sono gratuite; per quantitativi superiori a 40 mq. o 450 Kg. (fino a 500 mq.), le operazioni relative alla raccolta ed al trasporto sono gratuite, mentre i costi dello smaltimento relativi alla quota eccedente i 40 mq. o 450 Kg. (fino a 500 mq.) sono a carico dei privati. Per ottenere informazioni, è possibile consultare il personale delo Sportello Info Amianto presso l’ufficio urbanistica ed edilizia privata, aperto tutti i giorni, dal lunedì al sabato mattina.
24/8/16

Vai alla sezione nella colonna a destra e scarica il materiale informativo.
 




La fase sperimentale inizierà nel 2016, dopo le feste
SACCHI CON IL CHIP: CONTINUA LA DISTRIBUZIONE

Dopo l’appuntamento di giovedì scorso, alla presenza dei funzionari del Consorzio Rifiuti, della ditta di raccolta AMV e dell’amministrazione Comunale, continua la distribuzione dei sacchi speciali che dal 7 gennaio saranno utilizzati dai cittadini per conferire il cosiddetto indifferenziato, la spazzatura “generica” che non trova collocazione nei cassonetti di carta, plastica, vetro e rifiuti speciali. Da gennaio infatti, San Salvatore sarà il primo Comune del territorio a passare alla raccolta “puntuale” come anticipato ad aprile, in una serata informativa, nell’ambito delle “Settimane Verdi”. In sostanza, per i cittadini cambierà ben poco: la raccolta avverrà sempre negli stessi giorni e solo per la tipologia del generico verrà richiesto l’utilizzo di un sacco apposito, il sacco col chip. Ogni famiglia infatti avrà i propri sacchi e il chip servirà a "leggere" gli svuotamenti. Al termine della fase di sperimentazione, le famiglie che produrranno meno rifiuti e quindi meno sacchi, pagheranno meno delle altre. L’equazione è semplice: per produrre meno rifiuti indifferenziati (e fare meno sacchi) occorre effettuare una corretta raccolta differenziata di tutte le tipologie di rifiuto riciclabile o speciale. Nei giorni scorsi il Comune ha annunciato di aver distribuito oltre mille kit di sacchi chippati e contemporaneamente di aver assegnato a ciascuna famiglia il codice identificativo.