accessibile
Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti. Maggiori informazioni sui cookies.

Chiudi

Home > Esercizio di vicinato prodotti alimentari

ESERCIZIO DI VICINATO PRODOTTI ALIMENTARI

ESERCIZIO DI COMMERCIO AL DETTAGLIO DI VICINATO 

DEFINIZIONE: per commercio al dettaglio, si intende l'attività svolta da chiunque professionalmente acquista merci in nome e per conto proprio e le rivende, su aree private in sede fissa o mediante altre forme di distribuzione, direttamente al consumatore finale.

Esercizio di vicinato: attività avente una superficie di vendita non superiore ai 150 mq nei comuni con meno di 10.000 abitanti . Per superficie di vendita si intende l'area destinata alla vendita, compresa quella occupata dai banchi. Non costituisce superficie di vendita l'area destinata a magazzini, depositi, locali di lavorazione, uffici e servizi. Per l'apertura, il trasferimento, l'ampliamento e la riduzione di un esercizio di vicinato, è necessario presentare il modello COM 1 al Comune 30 giorni prima dell'inizio dell'attività.

Requisiti per l'esercizio dell'attività commerciale – SETTORE ALIMENTARE
Per esercitare l'attività commerciale bisogna essere in possesso dei seguenti REQUISITI SOGGETTIVI :


• Insussistenza nei confronti del richiedente di "cause di divieto", di decadenza o di sospensione di cui all'art. 10 della legge 31/05/1965 n° 575 (antimafia)
• Non aver riportato condanna a pena detentiva accertata con sentenza passata in giudicato, per uno dei delitti di cui al titolo II e VIII del libro II del codice penale (delitti contro la P.A. e contro l’economia pubblica)
• Non aver riportato condanne, con sentenza passata in giudicato, per delitto non colposo, per il quale è prevista una pena detentiva non inferiore nel minimo a tre anni, sempre che sia stata applicata, in concreto, una pena superiore al minimo edittale.
• Non essere sottoposti ad una delle misure di prevenzione di cui alla L. 27.12.1956 n. 1423 o non essere soggetti ad una delle misure previste dalla L. 31.05.1965 n. 575, o non essere stati dichiarati delinquenti abituali, professionali o per tendenza
• Non essere stati dichiarati falliti (inibizione dalla data di passaggio in giudicato della sentenza e per cinque anni)
• Aver esercitato con esito positivo un corso professionale per il commercio relativo al settore merceologico alimentare, istituito o riconosciuto dalla Regione
• Aver esercitato in proprio, per almeno due anni nell’ultimo quinquennio, l’attività di vendita all’ingrosso o al dettaglio di prodotti alimentari, o aver prestato la propria opera, per almeno due anni nell’ultimo quinquennio, presso imprese esercenti l’attività nel settore alimentare in qualità di dipendente qualificato addetto alla vendita o all’amministrazione, o, se trattasi di coniuge o parente o affine entro il terzo grado dell’imprenditore, in qualità di coadiutore familiare, comprovata dall’iscrizione all’INPS.

REQUISITI OGGETTIVI: locale censito C1

DOCUMENTAZIONE DA ALLEGARE al MOD. COM 1
-  Copia documento di identità dei responsabili
-  Comunicazione di apertura esercizio di vicinato
-  Documenti attestanti il possesso della professionalità necessaria
-  Planimetria quotata del locale adibito alla vendita
-  Concessione edilizia, D.I.A. o altra documentazione che certifichi che il locale è censito a catasto come C/1

MODULISTICA DA COMPILARE
Mod.COM 1 : Modello ministeriale per l'apertura, il trasferimento, l'ampliamento e la riduzione, la cessazione di esercizi commerciali nonché il subingresso per acquisto o affitto azienda ed aggiunta di voci merceologiche.
 

La modulistica è in fase di aggiornamento