accessibile
Utilizzando il nostro sito web, si acconsente all'uso dei cookie anche di terze parti. Maggiori informazioni sui cookies.

Chiudi

Home > Notizie e iniziative culturali

SAN SALVATORE CITTÀ LETTERARIA

San Salvatore città letteraria



Donne ch’avete intelletto d’amore: la poesia d’amore ai tempi di Dante

L’incontro, sotto forma di recital-lezione, sviluppa il tema della presenza femminile nell’opera (e nella vita) di Dante Alighieri: in un poema fortemente connotato al maschile nei personaggi e nei contenuti, riflesso di una precisa cultura e società storica, le figure femminili costituiscono un richiamo alla differenza e alla specificità della Divina Commedia.

 Da Beatrice a Francesca, da Piccarda alla Vergine Maria, si percorrerà l’itinerario sentimentale e ideologico di Dante, ovviamente attraverso la sua poesia, per riconoscere nel tormentato percorso dall’amore terreno a quello religioso il significato del suo messaggio artistico.

Testi compresi nel programma: "Tanto gentile e tanto onesta pare"; "Donne ch'avete intelletto d'amore"; "Preghiera alla Vergine"; "Piccarda Donati"; "Francesca da Rimini"

L’incontro è misurato sulla durata di un’ora di lezione scolastica. La comunicazione avviene in forma divulgativa e, pur fondata su solidi dati scientifici, evita i toni e le formulazioni erudite.

Visualizza il manifesto e l'invito e il comunicato stampa

11/12/2015






Venersì 25 e sabato 26 settembre
BIENNALE PIEMONTE E LETTERATURA


Nel centenario della Prima Guerra Mondiale anche la Biennale letteraria di San Salvatore ricorda il conflitto del 15-18 con una due giorni dal titolo “Guerra e Pace nel Novecento e oltre”. Il convegno, aperto a tutti ed in particolare agli studenti delle scuole superiori, vede l’alternarsi di personalità della cultura come Gustavo Zagrebelsky, Massimo Luigi Salvadori, Bernardo Valli e Domenico Quirico nel pomeriggio di venerdi. In serata è prevista la conferenza – spettacolo sulla memoria popolare legata alla grande guerra, mentre sabato mattina una tavola rotonda presieduta da Gian Luigi Beccaria con Simona Costa e Guido Davico Bonino, Elio Gioanola e Franco Contorbia sul legame fra letteratura e Grande Guerra. Il sindaco Corrado Tagliabue ha ribadito il sostegno convinto alla Biennale, lo stesso che animò Carlo Palmisano, già primo cittadino e fra i fondatori del convegno con Gianfranco Pittatore ed Elio Gianola, che affermò l’importanza di portare e coltivare cultura, anche nei piccoli centri”. Continua il sindaco Tagliabue: “San Salvatore è un piccolo centro ma dalla grande sensibilità nei confronti della cultura, lo dimostra la ricca offerta, lungo tutto l’anno. In un momento di rilancio e visibilità nazionale, San Salvatore ribadisce il sostegno a questa nobile iniziativa che si deve soprattutto alla disponibilità del Presidente della Fondazione CRAL Pierangelo Taverna, della professoressa Giovanna Ioli, presidente della Fondazione Carlo Palmisano e del personale del Comune che permette la fattiva realizzazione del convegno”.

A Gustavo Zagrebelsky il premio saggistica - Venerdì 25 settembre alle ore 21,30, presso il Teatro Comunale avrà luogo la cerimonia di conferimento del XVIII Premio letterario per la saggistica “Città di San Salvatore Monferrato – Carlo Palmisano” a Gustavo Zagrebelsky. Nelle precedenti edizioni il premio è stato assegnato, fra gli altri a Norberto Bobbio, Gianni Vattimo, Umberto Eco, Alessandro Galante Garrone, Gina Lagorio, Guido Davico Bonino, Claudio Magris e Lorenzo Mondo e quest’anno all’eminente giurista ed ex presidente della Corte Costituzionale. Zagrebelsky, classe 1943, è professore emerito di Diritto costituzionale presso l’Università di Torino, e socio della Accademia dei Lincei e dell’Accademia delle Scienze di Torino ed è presidente onorario dell’associazione “Libertà e giustizia” e presidente di “Biennale Democrazia”. Collabora assiduamente ad alcuni dei più importanti quotidiani italiani e ha al suo attivo un gran numero di pubblicazioni. La Giuria del Premio “Carlo Palmisano – Città di San Salvatore Monferrato” intende premiarlo come strenuo difensore dei valori della cultura, i soli in grado di salvare il nostro futuro.
 

 

 

 

 

 


Con gli atti dei convegni "Biennale Piemonte e Letteratura"
LA FONDAZIONE AL SALONE DEL LIBRO
 

Stand Fondazione Carlo Palmisano Biennale e LetteraturaLa “Biennale Piemonte e letteratura” di San Salvatore Monferrato è stata una delle protagoniste dell’ultimo Salone Internazionale del Libro di Torino conclusosi il 12 maggio. Qui, appassionati letterati e soprattutto studenti, i più interessati allo studio degli atti dei convegni, hanno potuto cogliere la preziosa occasione di consultare e scegliere i volumi del prestigioso convegno che si svolge a San Salvatore Monferrato dal 1976, evento che ha contribuito a rendere nota la cittadina della Torre.
Dalla prima edizione sul poeta Igino Ugo Tarchetti all’ultima, del 2013 su Gina Lagorio, la Biennale ha raccontato la letteratura del Piemonte con il contributo dei più grandi studiosi della materia che hanno lasciato una traccia indelebile nei volumi unici e riconoscibili con le copertine dell’artista Flavio Costantini. L’indimenticato illustratore scomparso un anno fa, con il suo inconfondibile stile ha disegnato i ritratti dei grandi della letteratura del novecento, offrendo un’immagine elegante e riconoscibile al convegno sansalvatorese.
Oltre agli atti dei convegni, presso lo stand era possibile trovare anche l’esclusivo volume con la storia di San Salvatore Monferrato, il cosiddetto “numero unico”, a cura di Ettore Dezza e Fabio Prevignano.
Lo stand della Fondazione Carlo Palmisano che organizza le biennali letterarie, oggi presieduta dalla professoressa Giovanna Ioli è un segnale di nuova vitalità per l’ente che organizza anche altri eventi nel corso dell’anno, come il recente “Dante sulle Colline” e la prossima edizione 2014 della “Biennale Junior di Letteratura per ragazzi”.
La Fondazione Carlo Palmisano nasce dall’unione d’intenti della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria e dal Comune di San Salvatore Monferrato.


Finale letterario per il “Settembre Sansalvatorese”
BIENNALE: LETTERATURA CON DANTE E LAGORIO

Virata letteraria per il "Settembre Sansalvatorese" che con gli appuntamenti del prossimo fine settimana porta a conclusione la kermesse di fine estate con una serie di incontri organizzati dalla Fondazione Carlo Palmisano - Biennale Piemonte e Letteratura. "Nell'anno della Biennale, che non si svolgeva dal 2009, la Fondazione che ne porta il nome, ha allestito un programma di tutto rispetto, con due iniziative di prestigio e di spessore culturale - afferma il sindaco Corrado Tagliabue. Questo lo dobbiamo soprattutto all'attenzione e alla sensibilità della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, che da sempre sostiene economicamente l'ente e al Comune di San Salvatore, in prima linea nell'organizzazione. La professoressa Giovanna Ioli, nuova presidente della Fondazione Palmisano, con il nuovo consiglio di amministrazione, riporteranno la cultura nel nostro teatro Comunale che si preannuncia ricco di presenze di spicco e soprattutto di pubblico, come quello degli studenti degli istituti superiori della Provincia".

DANTE SULLE COLLINE
Si comincia venerdì 25 e sabato 26 ottobre con "Dante sulle colline", che il primo giorno si rivolge alle Università della Terza età e a tutti coloro che hanno interesse per il poeta fiorentino e il secondo agli studenti dei licei del Monferrato. Le lezioni dantesche proposte al Comunale saranno in forma di spettacolo. La Compagnia teatrale "Coltelleria Einstein" offrirà una rappresentazione di Dante nuova e originale. L’iniziativa ha l'obiettivo di spargere scintille di divertimento, con la finalità ultima di accendere interesse per il sommo poeta. Visualizza la locandina e il programma

BIENNALE PIEMONTE E LETTERATURA: GINA LAGORIO, RESPIRARE PIEMONTE
Locandina Gina LagorioL'8 e il 9 novembre torna il convegno della Biennale “Piemonte e letteratura”, il 18°, che riprende il filone monografico con una scrittrice piemontese già apprezzata relatrice nei convegni letterari sansalvatoresi di alcuni anni fa: Gina Lagorio. Con la sua precisa geografia dell’anima, che unisce differenti territori, Langhe, Liguria, Monferrato, ardimentosa, solare e paladina della libertà, Gina Lagorio ha saputo amare gli amici, i familiari, il lavoro editoriale e tutti coloro che hanno sete di giustizia, ma anche la letteratura, che per lei rappresentava la fusione di tutte le arti. Fu autrice di saggi, novelle, romanzi, opere teatrali e anche di un libretto d’opera. Il convegno letterario sarà anticipato dalla cerimonia di consegna del 18° Premio Saggistica “Città di San Salvatore Monferrato – Carlo Palmisano”, che sarà assegnato a Lorenzo Mondo, critico letterario, scrittore e giornalista con radici monferrine al quale si devono fondamentali studi su Pavese, Fenoglio e altri autori non solo piemontesi. Cornice della serata sarà un concerto a cura del direttore del Conservatorio di Alessandria, Angela Colombo e la proiezione di una rara intervista girata a Cherasco dal gruppo di Antonio e Pupi Avati dal titolo Gina Lagorio, il piacere della scrittura. Visualizza il programma

“Le iniziative organizzate dalla Fondazione “Carlo Palmisano” hanno sempre rappresentato un fiore all’occhiello dell’attività culturale promossa dalla nostra Fondazione – afferma il Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria Pier Angelo Taverna – sia per il livello dei temi trattati che per quello dei relatori presenti. La Biennale che si terrà nei prossimi giorni conferma questa tradizione trentennale e si arricchisce di nuovi spunti e di nuove iniziative collaterali. Questo è, inoltre, il primo appuntamento della Fondazione Palmisano in programma sotto la presidenza di Giovanna Ioli alla quale rivolgo i più sinceri auguri di buon lavoro e, al contempo, porgo un caloroso ringraziamento a Elio Gioanola in quanto l’impegno profuso durante la sua presidenza ha permesso di consolidare l’iniziativa e portarla a livelli altissimi”.









Il Fondo Librario Edoardo Villa

Il Sindaco con PittatoreVenerdi 12 ottobre verrà presentato al pubblico il prestigioso "Fondo librario Edoardo Villa", con una mostra (curata da Roberto Barberis e Fabio Prevignano) che mette in vetrina i volumi più preziosi del prestigioso Fondo librario che conta oltre 20.000 volumi appartenuti al professore genovese Edoardo Villa, raffinato bibliofilo. Tutto inizierà alle 10 con il saluto del sindaco Corrado Tagliabue e del professore Elio Gioanola, presidente della Fondazione Carlo Palmisano. Seguirà la presentazione vera e propria con Riccardo Massola e il professore Franco Contorbia. La pregiata collezione di volumi di Edoardo Villa è parte del patrimonio della Fondazione Palmisano che organizza le biennali letterarie e che nel corso degli anni 2006-2011 ha provveduto con il fondamentale supporto del Comune, a dare avvio al lunghissimo e meticoloso lavoro di catalogazione dei libri. Oggi il fondo, ricco di prime edizioni (fra cui "I malavoglia", "La coscienza di Zeno"...) e di cinquecentine, è in rete nel servizio bibliotecario nazionale (SBN) e con frequenza ormai settimanale, in biblioteca, si ricevono richieste di consultazione da molte parti d'Italia e anche da fuori Europa. La collezione, acquistata dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria nel 2003, all'epoca presieduta da Gianfranco Pittatore, risulta essere una preziosa fonte di riferimento per studiosi, studenti e laureandi poichè molti dei volumi presenti sono difficilmente reperibili altrove.





I VENERDI LETTERARI DEL "Settembre Sansalvatorese"
Quattro incontri, dalla letteratura alla grapich novel



Incontri con gli autori - I venerdì letterari

Per marcare la propria vocazione ad essere "città letteraria", San Salvatore Monferrato, nel corso della kermesse di maggior successo dell'anno, ha dedicato quattro venerdi alla letteratura, permettendo agli appassionati di incontrare gli autori delle opere protagoniste delle quattro serate.
La rassegna "Incontri con gli autori" prende il via venerdi 31 agosto, con la presentazione del libro "Iginio Ugo Tarchetti. Anatomia di un'anima". La serata vedrà la presenza dell'autore Francesco Ruchin, fiorentino, studioso appassionato dell'autore di "Fosca". Ruchin che ha recentemente pubblicato il volume, sarà affiancato dai professori Marino Biondi (Professore associato Dipartimento di Italianistica, facolta di lettere e filosofia dell'Università di Firenze) e dal sansalvatorese Elio Gioanola (già docente di Letteratura italiana all'Università di Genova), a sua volta protagonista del secondo incontro della rassegna. il 28 settembre Gioanola, con Fabio Prevignano dell'Università del Piemonte Orientale Avogadro, presenterà "Montale. L’arte è la forma di vita di chi propriamente non vive". Un saggioche utilizza gli strumenti offerti dalla critica psicoanalitica per studiare approfonditamente l'autore di "Ossi di seppia", così come Gioanola ha già fatto in questi anni con Gadda, Pirandello, Svevo e Pascoli, Un libro che coniuga rigore ed equilibrio citazioni di testi, biografia, testimonianze e aneddoti. La modernità della narrazione a fumetti e la cronaca sono gli elementi che caratterizzano il terzo volume in presentazione il 5 ottobre. Si tratta di una graphic novel "Eternit, dissolvenza in bianco". Scritto da Maria Assunta Prato e illustrato da Gea Ferraris, il volume racconta la drammatica vicenda della "fabbrica della morte", con la cruda cronaca nello stile che ha reso famoso il più grande autore di questo moderno genere: Art Spiegelman (Maus I e II).
Si torna alla pagina scritta, ma si resta nei dintorni di San Salvatore nella presentazione congiunta dei due volumi raccontati da Christian Isola (Canto per due stagioni) e Massimo Brusasco (Palla tonda, teste quadre). Due stili differenti, due modi di raccontare i paesi di provenienza di questi scrittori che prendono spunto dalle vicende locali per un affresco universale di sentimenti, storia e aneddoti di vita vissuta fra le colline e nel resto del mondo.

 



16° Premio Saggistica e spettacolo teatrale “Le Voci”
MAGRIS OSPITE D’ONORE A SAN SALVATORE

Un altro grande evento letterario a San Salvatore: mercoledì 8 giugno alle 21, Claudio Magris, critico e storico della letteratura e professore di letteratura tedesca all’Università di Trieste, verrà insignito del “Premio saggistica Città di San Salvatore Monferrato – Carlo Palmisano” assegnato dal Comitato scientifico della Biennale Piemonte e Letteratura presieduto dal professore Elio Gioanola.
Seguirà la rappresentazione teatrale “Le Voci”, atto unico di Claudio Magris interpretato dall’attore Mario Brusa con la regia di Guido Davico Bonino, già premio saggistica 2009.
A Claudio Magris è dedicato anche il seminario linguistico – letterario intitolato a Gianfranco Pittatore ed organizzato dalla Fondazione Palmisano nei giorni 8 e 9 giugno presso Villa Groppella, sulle colline fra San Salvatore Monferrato e Valenza.
In occasione dell’importante appuntamento, il noto artista Flavio Costantini ha realizzato una nuova opera che si aggiunge alla preziosa galleria di ritratti di autori letterari della Biennale, realizzati nel corso degli anni in esclusiva per il convegno sansalvatorese.
L’evento si deve all’organizzazione della Fondazione Carlo Palmisano, dal Comune di San Salvatore Monferrato e dal prezioso contributo dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Alessandria, da sempre sostenitrice di questo progetto culturale nato nel 1976. 


Premio saggistica 2007 a Rita Levi MontalciniPREMIO SAGGISTICA – LA SCHEDA
Il "Premio Letterario per la saggistica città di San Salvatore Monferrato - Carlo Palmisano" vuole essere il riconoscimento, indipendente da ogni pressione economica, editoriale ed ideologica, di un'attività scientifica svolta nel campo della saggistica, generalmente trascurata nei premi letterari perché poco commercializzabile. La giuria del premio è formata da professori del Comitato scientifico della Biennale Piemonte e Letteratura presieduto dal prof. Elio Gioanola.
Nelle precedenti edizioni il premio è stato assegnato a Norberto Bobbio, Giovanni Getto, Carlo Dionisotti, Gianfranco Contini, Massimo Mila, Eugenio Corsini, Franco Venturi, Gianni Vattimo, Umberto Eco, Nuto Revelli, Cesare Segre, Carlo Augusto Viano, Alessandro Galante Garrone, Gina Lagorio, Rita Levi Montalcini e Guido Davico Bonino.
 

CLAUDIO MAGRIS – LA SCHEDA
Claudio Magris, critico e storico della letteratura, è professore di letteratura tedesca all’Università di Trieste. Autore di fondamentali ricerche sulla letteratura austriaca, i suoi studi hanno aperto la strada alla riscoperta da parte del pubblico italiano ed internazionale della letteratura e della cultura mitteleuropea.
Danubio, il libro-diario di un viaggio ideale attraverso i paesaggi e le culture della mitteleuropa, e poi Microcosmi, L’eterno viaggiare e altre opere di grande successo, hanno consacrato Magris come uno dei maggiori scrittori europei e come un grande interprete della condizione dell’uomo contemporaneo.Magris a "Che tempo che fa"
Magris è stato di recente, ospite di Fabio Fazio a “Che tempo che fa” dove ha parlato della mostra che la città spagnola di Barcellona, gli ha dedicato (La Trieste di Magris, aperta fino al 17 luglio) e dove ha ricevuto presso il Centro di Cultura contemporanea di Barcellona, il 3 maggio scorso, la laurea honoris causa dall’Università catalana.
Vincitore di prestigiosi premi letterari in Italia e all’estero, collabora da molti anni con il quotidiano Corriere della Sera pubblicando elzeviri e commenti sui temi dell’etica, della politica e della laicità.